Che cos'è lo standard WiFi 802.11ac?

802.11ac-2013, noto anche come 802.11ac, è uno standard di rete wireless stabilito dall'Institute of Electrical and Electronics Engineers (IEEE) nel 2013 che funziona a 5 GHz e fornisce reti locali (WLAN) ad alta velocità sulla banda dei 5 GHz. Volete saperne di più? Allora leggete la nostra guida approfondita che spiega tutto su questo argomento.

Ben Grindlow

Ben Grindlow è il fondatore di ProXPN, un'azienda che fornisce recensioni su prodotti e servizi VPN. L'interesse di Ben per la sicurezza informatica e la privacy lo ha portato a fondare ProXPN, che è diventato uno dei fornitori di VPN più apprezzati al mondo. Ben è appassionato del suo lavoro ed esplora costantemente nuovi modi per migliorare le guide approfondite di ProXPN.

Ultimo aggiornamento: 12:12 PM 6/19/2022

Scelte dell'esperto ProXPN

4.9/5
3.5/5
4.9/5
3.5/5
4.9/5
3.5/5

Indice dei contenuti

Il fornitore di VPN leader e più sicuro al mondo

🔥 Risparmiate 60%! 🔥

Il Wi-Fi è una parte importante della nostra vita. Vi colleghiamo sempre più dispositivi, dagli smartphone ai computer portatili, dai frigoriferi alle macchine del caffè. È quindi positivo che le nostre reti Wi-Fi siano in continua evoluzione. La variante utilizzata dalla maggior parte delle persone è 802.11ac, nota anche come Wi-Fi 5, un numero che potreste aver visto sulla scatola di un router o di un altro dispositivo.

Si tratta di uno standard Wi-Fi velocissimo. Volete sapere cosa significa esattamente 802.11ac? Allora siete nel posto giusto!

Che cos'è il Wi-Fi?

Wi-fi è la tecnologia utilizzata per collegare i dispositivi wireless a Internet senza bisogno di essere fisicamente connessi a una rete. punto di accessoo un router. Il router utilizza l'ampiezza Esportazionemodulazione: invia un segnale radio che viene convertito in dati utilizzabili dal dispositivo wireless, sia esso uno smartphone, una stampante, un televisore o qualsiasi altro dispositivo mobile.

Qual è la differenza tra Wi-Fi, web e internet?

I termini "internet". World Wide Web" e "wifi" sono spesso usati in modo intercambiabile e, dal punto di vista personale, la differenza è spesso minima. Tuttavia, questi tre termini hanno significati molto diversi.

In parole povere, "Internet" si riferisce alla rete di server fisici, computer e cavi che si estende su tutto il globo; è l'hardware che sta dietro alle pagine web che visualizziamo ogni giorno. Quando si accede a una pagina web, le informazioni che la compongono provengono da un computer fisico, a volte dall'altra parte del mondo. Il World Wide Web, o "web" in breve, è il modo in cui questa rete viene navigata. Se Internet è una città, il World Wide Web è la mappa.

Il Wi-Fi è la tecnologia che consente di collegare un dispositivo a Internet senza doverlo collegare fisicamente. Un router viene collegato fisicamente e consente ad altri dispositivi wireless di comunicare con esso per accedere a Internet.

Cosa sono gli standard Wi-Fi?

Utilizziamo il Wi-Fi da molto tempo e le nostre reti Wi-Fi continuano a evolversi. Sono stati creati standard Wi-Fi internazionali per garantire che tutti i dispositivi che utilizzano il Wi-Fi possano comunicare correttamente tra loro. Esiste persino una fondazione, la Wi-Fi Alliance, che verifica la conformità dei dispositivi a questi standard e assegna loro un marchio di qualità.

Il primo standard Wi-Fi è stato IEEE 802.11, sviluppato dall'Institute of Electrical and Electronics Engineers (IEEE). Questa versione, oggi chiamata 802.11 legacy, ha avuto molti successori, a cui tutti ci riferiamo con gli stessi numeri, ma con lettere diverse.

I nuovi standard Wi-Fi devono sempre essere molto più veloci di quelli precedenti. Ciò è dovuto alle nuove tecnologie e all'aumento dell'ampiezza dei canali. Ora siamo arrivati allo standard IEEE 802.11ac. È stato rilasciato nel 2013 e attualmente è uno degli standard più utilizzati. Il suo predecessore era l'IEEE 802.11n, sviluppato nel 2007. In un settore in cui i nuovi dispositivi vengono rilasciati ogni anno, questo intervallo di sei anni è molto lungo e quindi anche i miglioramenti apportati dall'802.11ac alle reti wireless sono notevoli.

Chi è la WiFi Alliance?

La Wi-Fi Alliance è un gruppo di aziende tecnologiche che sviluppano e promuovono la tecnologia WiFi, con l'obiettivo di rendere l'accesso wireless onnipresente. Possiede marchi come Wi-Fi 5 e Wi-Fi 6 e ricerca nuove tecnologie come l'Internet delle cose - l'espansione di Internet per includere dispositivi mobili connessi tramite Wi-Fi. Il loro logo viene utilizzato per rassicurare gli acquirenti sulla qualità e sulla compatibilità dei dispositivi.

Che cos'è l'IEEE 802.11?

L'IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) è un organismo professionale responsabile degli standard ufficiali nel settore dell'elettronica e dell'informatica. A ciascuno dei suoi standard viene attribuito un codice numerico, che si riferisce a un argomento specifico all'interno di un'area.

Il tag '802' si riferisce a un gruppo di standard che riguardano le reti, con il tag '.11' che si riferisce specificamente alle LAN wireless.

Quali sono gli aspetti chiave di IEEE 802.11ac?

In primo luogo, IEEE 802.11ac si allontana dalle bande di frequenza comunemente utilizzate negli standard precedenti, come la banda a 2,4 GHz utilizzata in IEEE 802.11n, per passare alla frequenza a 5 GHz. La frequenza a 5 GHz tende ad avere meno interferenze in quanto non è utilizzata da dispositivi bluetooth o telefoni cordless. La maggior parte dei router è dual band e quindi compatibile con il passato, consentendo il trasferimento dei dati sia sulla nuova frequenza a 5 GHz che su quella più vecchia a 2,4 GHz.

A differenza degli standard precedenti, IEEE 802.11ac può utilizzare fino a otto flussi spaziali. Si avvale inoltre della tecnologia MIMO, una tecnologia che utilizza più trasmettitori per consentire un'uscita multipla e più ricevitori per consentire un ingresso multiplo. L'ingresso multiplo e l'uscita multipla consentono di ottenere velocità di trasmissione dei dati molto più elevate e una maggiore larghezza di banda.

Mentre con gli standard precedenti era possibile connettersi a un solo dispositivo, o fino a quattro client nell'802.11n, l'802.11ac consente la connessione di più dispositivi tramite la tecnologia MIMO multiutente, spesso indicata come MU-MIMO.

MU-MIMO consente di collegare più dispositivi al router, sfruttando al meglio i flussi spaziali e le bande di frequenza meno utilizzate per flussi di dati più veloci.

Esistono altri standard Wi-Fi?

Sotto il tag IEEE 802.11 si trovano diversi standard, dai precedenti standard wi-fi come IEEE 802.11 legacy a IEEE 802.11be, che è la generazione più avanzata di standard wireless e rappresenta il prossimo salto nella tecnologia wi-fi.

Ad oggi esistono venti standard IEEE all'interno della banda 802.11, sei dei quali sono stati denominati Wi-Fi 1 - Wi-Fi 6.

Wi-Fi 6 si riferisce al nuovo standard wi-fi 802.11ax, il prossimo ad essere adottato. Ciò consentirà un aumento dei dispositivi connessi, pur mantenendo la compatibilità con il passato.

Ancora più futuristico è lo standard in attesa di approvazione per l'802.11aj, noto anche come onda millimetrica cinese. Lo scopo è quello di migliorare l'adozione delle tecnologie 5G e di ridurre il consumo energetico durante il loro utilizzo. Nel frattempo, la tecnologia "wake-up radio" dello standard IEEE 802.11ba è innovativa e dovrebbe prolungare notevolmente la durata della batteria dei dispositivi connessi. Un dispositivo connesso potrebbe avere un consumo energetico maggiore e quindi una minore durata della batteria, quindi qualsiasi tecnologia che aumenti questo consumo senza compromettere la velocità dei dati è vantaggiosa.

È possibile migliorare la copertura di 802.11ac?

L'uso di 5 GHz nell'802.11ac significa che le onde tendono a essere interrotte dalle pareti negli ambienti interni, ma ci sono modi per ovviare a questo problema. La tecnologia beamforming è uno di questi. Mentre tradizionalmente i router sono dotati di una sola antenna, la tecnologia beamforming prevede l'utilizzo di più antenne, sempre più diffuse per supportare la tecnologia MU-MIMO, per modellare la trasmissione. Le antenne multiple possono trasmettere con il beamforming in modo da ridurre al minimo la mancanza di copertura all'interno della casa, senza dover scendere a compromessi utilizzando bande di frequenza più affollate.

È anche possibile aumentare il numero di punti di accesso all'interno della casa per creare una WAN. Ciò è particolarmente utile se si lavora da casa o se si ha bisogno di una connessione Wi-Fi forte e continua.

L'802.11ax non è già disponibile?

Proprio così! Questo standard è stato dimostrato per la prima volta nel 2018, ma per il momento è visibile solo in alcuni luoghi. L'alleanza Wi-Fi ha designato questo standard come Wi-Fi 6.

Sebbene i migliori router di oggi siano già "ax-ready", solo pochi dispositivi client sono compatibili con lo standard 802.11ax, il che significa che la maggior parte delle famiglie si affida ancora all'802.11ac.

Come funziona l'802.11ac?

Le reti wireless utilizzano le frequenze radio per trasmettere il segnale. Lo standard 802.11n utilizza principalmente la banda di frequenza di 2,4 GHz. Questa banda è molto frequentata. Vi sono collegati molti dispositivi, dagli smartphone ai dispositivi Bluetooth e ai forni a microonde. In alcuni casi, tuttavia, funziona anche sulla banda di frequenza opzionale a 5 GHz.

Sulla banda di frequenza a 2,4 GHz, il segnale viene rapidamente disturbato dalla folla. Lo standard 802.11ac facilita l'uso della banda di frequenza a 5 GHz, molto più silenziosa, che consente velocità wireless più elevate.

L'utilizzo della banda di frequenza a 5 GHz influisce anche sulla portata del segnale Wi-Fi. Il segnale a 5 GHz ha una portata inferiore e riesce a penetrare meno i muri rispetto al segnale a 2,4 GHz. Il vantaggio è che il segnale Wi-Fi è limitato alla propria abitazione e non raggiunge i vicini, e viceversa. Tuttavia, è uno svantaggio se si desidera un'ampia portata, ad esempio in un grande edificio o in presenza di muri spessi.

Quando si utilizza un router 802.11ac, non ci si deve preoccupare della compatibilità con altri dispositivi. I router 802.11ac sono compatibili con i dispositivi 802.11n. Naturalmente, le prestazioni sono meno buone a causa dell'utilizzo del vecchio dispositivo.

Quanto è veloce lo standard 802.11ac?

Quando si parla di velocità o di velocità del Wi-Fi, in realtà si parla della velocità di trasferimento dei dati. Una velocità maggiore significa che il router wireless può inviare i dati al dispositivo client a una velocità maggiore. Questa velocità è nota anche come throughput wireless.

In teoria, l'802.11ac ha una velocità massima di trasferimento dati di 7 Gbps ed è paragonabile a Gigabit Ethernet. Ciò significa che è possibile trasferire 900 megabyte al secondo. Se si considera che un file MP3 ha una dimensione media di 4 megabyte, si può immaginare che si tratta di una velocità massima enorme e di un throughput molto elevato. Tuttavia, la teoria è sempre diversa dalla pratica e non è possibile raggiungere tali velocità di trasmissione dati a casa. L'elevata velocità di trasmissione teorica è in parte dovuta al fatto che l'802.11ac può utilizzare otto flussi spaziali, rispetto ai quattro flussi spaziali dell'802.11n. Normalmente, tuttavia, si utilizzano solo due o tre flussi spaziali. Ciò significa che in pratica la velocità è un terzo di quella teorica. Inoltre, la velocità di trasmissione dei dati dipende anche da una serie di altri fattori, come il numero di dispositivi client. Un solo dispositivo sulla rete porterà a un throughput più elevato rispetto a un gran numero di dispositivi.

Quali dispositivi supportano l'802.11ac?

Anche se forse non è efficiente come il Wi-Fi 6, l'802.11ac, la tecnologia multiutente, a ingresso multiplo e uscita multipla, insieme alla maggiore larghezza dei canali e agli sforzi per garantire la retrocompatibilità della tecnologia, significa che la maggior parte dei dispositivi moderni sarà supportata dall'802.11ac. Alcuni dispositivi più vecchi potrebbero non supportare le frequenze a 5 GHz, ma possono comunque utilizzare la frequenza a 2,4 GHz.

Come faccio a sapere se i miei dispositivi sono compatibili con lo standard 802.11ac?

La maggior parte dei produttori dichiara di poter utilizzare le bande di frequenza più elevate associate all'802.11ac. Cercate i dispositivi che supportano il wifi a doppia banda, Wifi 5 o 802.11ac. Se lo supportano, saranno in grado di sfruttare appieno il maggior numero di flussi spaziali e i canali più ampi offerti dall'802.11ac.

Il Wi-Fi continua a svilupparsi

L'802.11ac è un miglioramento significativo rispetto al suo predecessore. È una buona cosa, perché ci aspettiamo sempre di più dalla nostra rete Wi-Fi. Il Wi-Fi 802.11ac migliorerà sempre di più con l'uso. Grazie agli ulteriori sviluppi dei nostri dispositivi, la velocità nella pratica si avvicina sempre di più a quella teorica. Presto i cavi Internet non saranno più necessari. Assicuratevi quindi che i dispositivi di casa vostra siano compatibili con lo standard 802.11ac, in modo da poterne trarre vantaggio:

  • Internet wireless stabile senza interferenze;
  • Internet ampiamente veloce, anche per lo streaming di video;
  • Una casa senza cavi internet;
  • Compatibilità con i dispositivi più vecchi.

Sebbene l'802.11ac sia ancora lo standard Wi-Fi più diffuso, all'orizzonte si intravedono già nuove varianti: 802.11ad e 802.11ax, noto anche come Wi-Fi 6. Per il momento, tuttavia, non se ne accorgerà molto, perché la maggior parte dei client non è (ancora) adatta. Anche questi standard apportano miglioramenti e applicazioni particolari. È così che la nostra rete Wi-Fi continua a svilupparsi.

Domande frequenti

Lo standard WiFi 802.11ac (1.300 Mbps; 1,3 GBps) ha una velocità massima teorica di 2.300 Mbps (2,3 Gbps). È stato il primo standard WiFi a offrire velocità gigabit anziché megabit, grazie alla sua creazione. 802.11n aveva una velocità teorica di 450 Mbps (0,45 Gbps).

Un tipico punto di accesso 802.11ac può gestire fino a otto flussi di dati. È necessario un solo dispositivo client per supportarlo.

La frequenza più elevata dell'802.11ac consente di migliorare le prestazioni, ma ha anche il potenziale di causare problemi di interoperabilità con i dispositivi legacy. Rispetto all'802.11n, produce automaticamente canali a 160 MHz quando si utilizzano otto flussi spaziali (2×160 MIMO).

Il limite massimo di velocità dei dispositivi 802.11ac è di 1,3 Gbps, rispetto ai 450 Mbps dell'802.11n, il precedente standard Wi-Fi.

Lo standard 802.11ac, invece, supporta canali da 20 MHz, 40 MHz, 80 MHz e 160 MHz.

Proteggete la vostra privacy digitale e rimanete al sicuro su Internet

Siete curiosi di conoscere le scelte dei nostri esperti di privacy?